Cibo spazzatura, è sufficiente una tassa per l’educazione alimentare?

Ha fatto discutere la recente proposta del Ministro Balduzzi di introdurre una tassa sul c.d. junk food ed in particolar modo merendine, patatine e bevande gassate, omnipresenti nei distributori automatici delle scuole oltre che nei supermercati.

Come già fatto in altri Paesi europei – Francia e Danimarca in primis – con il patto per la salute 2013-2015 potrebbe arrivare anche in Italia la tassa “anti grasso”. E’ necessario mangiare meno e meglio ma la tassa di scopo è il mezzo più adatto per diffondere l’educazione alimentare?

Oltre il 34% dei bambini italiani tra gli 8 e 9 anni non è nel peso forma: riuscire a tenerli lontano da grassi e zuccheri sarà un balzello? Forse si, se le risorse saranno utilizzate specificatamente per promuovere l’educazione agli alimenti. Staremo a vedere..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.