Convegno a Treviso per misurare l’impronta ecologica veneta

Ogni cittadino veneto ha bisogno di 7,75 ettari di natura. È questo il valore dell’impronta ecologica calcolata dall’Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale. Si tratta di un indice statistico stimato sulla base dei consumi di beni naturali e servizi in un anno. In pratica come il PIL misura la ricchezza di un Paese, così l’impronta ecologica misura la sostenibilità del nostro stile di vita.

Su questo tema e su come ‘misurare’ l’utilizzo delle risorse naturali del territorio diminuendo gli sprechi e aumentando l’efficienza energetica si confronteranno esperti delle Università e dell’Arpav lunedì 25 gennaio nella sede di Cà Foscari a Treviso, in riviera Santa Margherita, 76 nel workshop “Strumenti di analisi integrata e statistiche per l’ambiente e il territorio’ dalle 9 alle 18.

Fra i momenti clou dell’iniziativa alle 11.30 vi sarà la tavola rotonda ‘Dati ambientali: a chi servono?’ moderata da Marco Benedetti, giornalista scientifico. Presenti per i saluti alle 9.15 il direttore generale di Arpav, Andrea Drago e il preside della Facoltà di Scienze Fisiche e Naturali di Cà Foscari, Paolo Cescon.

Tratto da lazione.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.